CULTURAeditoriale

50 ANNI DI LEGACOOP PIEMONTE “VIAGGIO TRA MERCATI E VALORI”

By 19/12/2023No Comments

Le soddisfazioni per l’evento economico e sociale espresse dal presidente Dimitri Buzio, dal sindaco Lo Russo, dal presidente della Regione Cirio, dall presidente della Fondazione CRT, Palenzona e da Alberto Anfossi segretario generale della Compagnia di San Paolo – Le opere di Ugo Nespolo

Un soffio sulle candeline che sa di futuro. Legacoop Piemonte lo scorso giovedì ha festeggiato i suoi 50 anni al Museo del Risorgimento di Torino con l’evento “Un viaggio tra mercato e valori”, in cui sono stati presentati anche i numeri delle imprese associate e il percorso celebrativo del cinquantesimo con le cinque opere realizzate da Ugo Nespolo e la mostra virtuale e interattiva su piattaforma Prezzi.
“Mi ha fatto molto piacere sottolineare come la nostra regione stia ampliando e differenziando le sue vocazioni, da quella manifatturiera fino a polo culturale e universitario, la cooperazione può dare il suo contributo rendendo attrattivo il Piemonte a chi qui vuole porre le sue radici attraverso nuovi modelli di politiche della casa, ad un welfare che sostenga le famiglie e le fasce di popolazione più anziane favorendo l’inclusione sociale e alla sostenibilità ambientale attraverso le comunità energetiche” ed altrettanto onorato per la targa donata dal presidente delle Regione Piemonte Alberto Cirio, che conteneva una significativo riconoscimento: “modello di impresa, eccellenza per lo sviluppo economico e sociale del nostro territorio”.
“Continueremo a lavorare con Legacoop per la crescita del nostro Piemonte” ha aggiunto Cirio.
D’altronde i numeri stessi confermano come la cooperazione sia centrale nell’ economia regionale: 457 imprese cooperative, un valore della produzione di 5,5 miliardi di euro, pari al 3,7% del Pil, 780mila soci e oltre 30mila addetti. Nelle cooperative aderenti l’80% della forza lavoro è occupata a tempo indeterminato e il 70% è donna. Circa un piemontese su sei ha attivo almeno uno scambio mutualistico con una impresa associata a Legacoop. I dati dell’analisi annuale dimostrano che nello scenario economico e sociale attuale le cooperative sono competitive, solide, e continuano ad investire e a creare occupazione e sono in grado di stare sul mercato senza venire meno a quei principi di democrazia che più di un secolo e mezzo fa ispirarono la nascita delle prima cooperativa proprio a Torino. Ecco perché la Legacoop guarda al domani con entusiasmo e con voglia di essere partecipe delle sfide che interesseranno l’economia e la crescita sociale del nostro territorio”.
Crescita economica, ma anche attenzione alla persona. È questo che contraddistingue la cooperazione, come ha ricordato anche il sindaco di Torino, Stefano Lo Russo, anche lui presente all’evento: “È molto evocativo che il cinquantenario di Legacoop Piemonte si svolga in quella che è la sede del primo parlamento italiano se si considera che la cooperazione ha trovato poi anche un riconoscimento nella Costituzione, proprio per la sua capacità di tenere uniti esigenze confliggenti come il saper stare nell’economia del profitto garantendo però anche l’attenzione alle persone”.
Anche Fabrizio Palenzona, presidente di Fondazione Crt, e Alberto Anfossi, Segretario generale di Fondazione Compagnia di San Paolo intervenuti sul palco hanno sottolineato i legami e le collaborazioni tra le due fondazioni e Legacoop. “Parliamo di una grande realtà che ha un’incidenza forte nell’economia del territorio considerando PIL e numero di addetti. Come fondazione noi abbiamo gli stessi scopi: centralità della persona e sviluppo del territorio” ha precisato Palenzona.
Mentre Anfossi ha osservato come “Legacoop Piemonte per questo territorio é una presenza non di nicchia ma sempre più istituzionale con volontà concreta di favorire un dibattito verso la società. Ed é vicina a soggetti come noi che si interrogano sempre di più sul proprio ruolo futuro per la società ed il territorio”.
La tavola rotonda moderata dal direttore di Mondo Economico, Francesco Antonioli è stata l’occasione per confrontarsi sui temi dell’impatto sociale e sul contributo del mondo cooperativo per una nuova economia.
Sul tema sono intervenuti Luca Asvisio, presidente dell’ordine dei commercialisti di Torino, Giorgio Barba Navaretti, presidente del Collegio Carlo Alberto, Paola Garibotti, responsabile regionale Nord Ovest di Unicredit Italia, Guido Saracco, rettore del Politecnico di Torino.
“Come presidente di Lega Coop Piemonte, ho avuto il piacere di ricordare anche un altro importante compleanno che si festeggerà nel 2024, i 170 dalla nascita della prima cooperativa d’Italia, che avvenne nel 1854 proprio a Torino. Qui ci sono le nostre radici, che mettiamo a disposizione della comunità: radici che sono state la nostra forza nel passato e che lo saranno nel futuro per continuare a dare il nostro contributo a costruire una società più equa”.
Dimitri Buzio
Presidente Lega Coop Piemonte