TURISMO

CARRETTA: “TORINO E’ GIA’ NEL FUTURO DALLO SPORT IL DONO DELLA RINASCITA”

By 23/11/2023No Comments

Dall’assessore della Giunta di Torino riceviamo e volentieri pubblichiamo le sue riflessioni sui grandi eventi realizzati, sui progetti e sulla politica dello sport inclusivo – Lo spettacolo straordinario della Nitto ATP Finals con i grandi del tennis e al 2024 con Nitto ATP, Final basket partenza del Giro d’Italia e terza tappa del Giro di Francia – Nel 2025 tremila disabili in campo – “Torino Sport Forum” il 5 dicembre a Palazzo Madama

Un’indagine conoscitiva che il Comune di Torino ha recentemente commissionato, ha messo in rilievo un dato sorprendente: i torinesi vivono lo sport, lo praticano, ne sono protagonisti, sicuramente in modo più assiduo degli altri cittadini italiani, per le ragioni che facilmente si intuiscono. Torino e le altre città del Piemonte godono di una posizione geografica che privilegia tutti gli sport, incastonate come sono tra montagne meravigliose e il mar ligure a pochissimi chilometri. Ciò, naturalmente induce ad un maggior impegno i Comuni, che dallo sport, traggono ragioni di vita. La nostra è una comunità che ama il movimento e che trova quindi nella pratica sportiva una fonte di benessere e condivisione di motivazioni sociali; una passione che abbraccia ogni età senza alcuna distinzione di fascia sociale e che dà agli amministratori gli stimoli e le motivazioni per sostenere a Torino, con forza, lo sport.
Ciò si realizza anche grazie alla possibilità di garantire pari accesso allo sport, a tutti, indipendentemente dalla disponibilità economica personale e familiare. Il Comune di Torino non ha quindi toccato al rialzo le tariffe per l’utilizzo degli impianti sportivi comunali sia nel 2022 che nel 2023 nonostante la crisi energetica e il caro carburante che ha colpito di recente il nostro Paese, offrendo, al tempo stesso, agevolazioni significative per specifici impianti e target di utenti.
Le cifre sono chiare: un milione di euro è stato destinato alle manutenzioni e ben 22 milioni per la riqualificazione degli impianti più importanti tra cui il Pala Tazzoli (pattinaggio su ghiaccio), lo Stadio di atletica Primo Nebiolo e le Piscine Trecate, Colletta, Gaidano, Lombardia, Franzoj e Massari, solo per citarne alcuni.
Torino guarda ad un nuovo Rinascimento, quindi al futuro e mette in campo progetti ambiziosi. Amplieremo la platea del progetto “PaSporTo” a 45.000 potenziali fruitori di età compresa tra i 14 e i 19 anni per avvicinare sempre più giovani allo sport e raddoppieremo i fondi per il progetto “Sport per le scuole” rivolto agli studenti più giovani. La nostra visione è quella di un’offerta sportiva che arrivi ad ogni cittadino, che promuova la diversità e l’inclusività”.
Negli ultimi anni, abbiamo avuto l’onore di ospitare grandi eventi sportivi, diventando un punto di riferimento per appassionati e atleti. Questi eventi, che rappresentano un formidabile volano per lo sport di base, hanno contribuito a elevare la reputazione di Torino nel panorama sportivo nazionale e internazionale.  Dalle ATP Finals di tennis alla Final Eight di basket, dalle Super Finals della Champions League di volley ai Campionati europei di volley femminile, abbiamo accolto atleti e appassionati da tutto il mondo. Guardiamo con fiducia al futuro con il ritorno nel 2024 delle ATP Finals, della Final Eight di basket, ma soprattutto con la partenza del Giro d’Italia e l’arrivo della terza tappa del Tour de France.
Nel 2025 si aggiungeranno altri eventi nazionali e internazionali, tra cui le Universiadi invernali che porteranno l’élite degli atleti universitari a Torino. Il che consoliderà la nostra posizione come capitale dello sport e gli Special Olympics World Winter Games, un evento che coinvolgerà oltre 3000 atleti con disabilità intellettiva.
Il prossimo “Torino Sport Forum” del 5 dicembre, che si terrà a Palazzo Madama, rappresenta il culmine di un dialogo aperto con la comunità sportiva. Vogliamo ascoltare le loro voci, comprendere le loro esigenze e trasformare le idee in azioni concrete.
Il risultato sfocerà in uno “Sport Plan” che guiderà le future politiche sportive per rendere Torino una città sempre più attiva e coinvolgente e affinché lo sport diventi il “comune denominatore sociale di tutte le attività del territorio”.
Lo sport a Torino non è solo competizione e spettacolo, ma è un elemento fondamentale per la salute e il benessere, l’educazione e l’inclusione sociale. Siamo pronti a consolidare i risultati già raggiunti e costruire un nuovo futuro per lo sport torinese.

Mimmo Carretta
Assessore del Comune di Torino. Sport, Grandi Eventi, Turismo
e Tempo libero, Rapporti con il Consiglio Comunale